top of page
  • Cobalt

In condominio lavori con bonus 75% a rischio stop


Plastico di un condominio

La delusione è palpabile. L’impatto del Dl 39/2024 sul bonus barriere architettoniche in condominio sarà molto pesante. Partiamo dai numeri dei condomìni, per capire a quanti edifici condominiali si rivolge l’agevolazione. Mettendo insieme i dati Istat e quelli del Centro ricerche Cresme emerge che gli edifici residenziali nel complesso in Italia sono poco meno di 13 milioni. Riferendoci all’anno di costruzione, quelli precedenti la legge 13/1989 - che favorisce gli interventi riguardanti attività di abbattimento barriere negli edifici privati- sono poco meno di 10 milioni. Non tutti sono condomìni, ma ci sono oltre 2 milioni di edifici costruiti prima del 1919. Barriere da abbattere ce ne sono dunque ancora tante, troppe. «Il decreto attuativo della legge 13, il Dm 236/89 », spiega Stefano Maiandi, presidente di Fiaba, ente del terzo settore nato nel 2000 per diffondere la cultura dell’accessibilità «fissa per il costruito post 1989 delle linee guida e le stesse devono essere adottate anche per quelle costruzioni ante ’89». La normativa tutela il diritto della persona con disabilità, non obbliga i condòmini a partecipare alla spesa per l’adeguamento dello stabile. Se ci sono condòmini contrari, la persona con disabilità può realizzare l’opera a spese proprie, sempre che abbia la disponibilità economica per farlo.«Definire una misura unitaria su quanto ha impattato il bonus 75% è impossibile - continua Maiandi - La domanda che dovremmo porci è quanti impianti verticali sono stati adeguati o realizzati grazie al bonus dal 2022 ad oggi ? Posso provare a dare delle indicazioni che ci sono state fornite dal settore delle imprese di costruzione e manutenzione di impianti elevatori. Nel caso specifico la misura del 75% ha agevolato investimenti per 250 milioni». «Gli interventi di adeguamento comunque nel complesso sono molteplici. In un condominio va valutato il tipo di pavimentazione dell’androne, l’altezza dei citofoni e delle cassette postali, se le porte di accesso sono di facile spinta, se ci sono gradini prima di accedere all’ascensore». I costi a quanto ammontano in media? « Al netto dei costi di direzione lavori e progettazione, in un condominio di otto unità abitative su tre piani la sostituzione dei citofoni esterni e interni alla singola unità immobiliare, superamento delle scale dell’androne con un servo scala e adeguamento di un ascensore costerebbero intorno ai 35mila/40milaeuro» conclude Maiandi. Il bonus barriere 75% è un aiuto importante. Cosa resta dunque fino al 2025, se non sopraggiungono novità? «È più probabile che ne beneficeranno i singoli proprietari che i condomìni – precisa Federica De Pasquale, vice presidente nazionale e presidente dell’Organismo condominio di Confassociazioni, colei che ha scritto l’emendamento sul bonus del 75%, coinvolgendo 21 senatori di ogni schieramento, Fiaba e Recert, Associazione dei revisori certificati professionisti. «La parola fine alla cessione del credito e allo sconto in fattura, per quelle che sono le dinamiche delle delibere assembleari, bloccherà l’utilizzo del bonus. In quasi tutti i condomìni le persone con disabilità, gli anziani o gli incapienti sono la maggioranza e non voteranno mai a favore di un lavoro di ristrutturazione straordinario per il quale devono anticipare somme elevate». Viene meno «lo stesso intento del bonus che era quello di uscire dalla bolla del superbonus , dove l’abbattimento delle barriere rientrava solo come lavoro trainato. Non possiamo che sperare in un ravvedimento del Governo affinché decida di tagliare su altre voci di spesa del bilancio pubblico e non sulla detrazione del 75%, un bonus, è giusto sottolinearlo, di cui hanno bisogno soprattutto le persone più fragili del Paese».


L’AGEVOLAZIONE

L’iter della misura Introdotto, a decorrere dal 1° gennaio 2022, il bonus ammette la possibilità di detrarre il 75% delle spese sostenute per l’eliminazione delle barriere architettoniche nelle abitazioni private e nelle parti comuni degli edifici.

Fonte: Il Sole 24 Ore

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page